Gara - ID 313

Stato: Pubblicazione


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante Lavori Pubblici e Mobilità
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoLavori
Accordo quadro per l’affidamento della conduzione, della manutenzione ordinaria e di parte della manutenzione straordinaria degli impianti elettrici e di trasmissione dati e degli impianti fotovoltaici del Comune di Prato
CIG8238712039
CUPC39G19000130004
Totale appalto€ 1.005.000,00
Data pubblicazione 23/03/2020 Termine richieste chiarimenti Mercoledi - 10 Giugno 2020 - 21:45
Scadenza presentazione offerteVenerdi - 19 Giugno 2020 - 13:00 Apertura delle offerteLunedi - 22 Giugno 2020 - 09:30
Categorie merceologiche
  • 45453 - Lavori di riparazione e ripristino
DescrizioneAccordo quadro per l’affidamento della conduzione, della manutenzione ordinaria e di parte della manutenzione straordinaria degli impianti elettrici e di trasmissione dati e degli impianti fotovoltaici del Comune di Prato
Struttura proponente Servizio gare Provveditorato e Contratti
Responsabile del servizio Dott. Luca Poli Responsabile del procedimento BALDI IURI
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf allegato-b-elenco-impianti-fotovoltaici - 230.10 kB
23/03/2020
File pdf allegato-c-disciplinare-fotovoltaico - 635.51 kB
23/03/2020
File pdf allegato-a-elenco-immobili - 233.97 kB
23/03/2020
File pdf allegato-e-schede-manutenzione-impianti-fotovotaici - 293.40 kB
23/03/2020
File pdf allegato-d-schede-di-verifica - 258.33 kB
23/03/2020
File pdf allegato-f-censimento - 840.15 kB
23/03/2020
File pdf allegato-i-schema-di-contratto - 362.84 kB
23/03/2020
File pdf allegato-g-relazione-tecnica - 290.46 kB
23/03/2020
File pdf elaborato-2-duvri - 419.32 kB
23/03/2020
File pdf elaborato-1-capitolato-speciale-appalto - 2.19 MB
23/03/2020
File pdf 313-informativa-protezione-dati - 30.18 kB
23/03/2020
313-mod-2 - 230.32 kB
23/03/2020
313-mod-3 - 143.37 kB
23/03/2020
313-mod-4 - 111.11 kB
23/03/2020
313-mod-6 - 159.93 kB
23/03/2020
313-mod-7 - 74.62 kB
23/03/2020
File pdf 313-bando-guri - 20.69 kB
23/03/2020
File odt dd-2020-549 - 103.93 kB
23/03/2020
File odt dd-2019-3287 - 68.53 kB
23/03/2020
File pdf 313-proroga-termini-guri - 14.95 kB
24/04/2020
File pdf 313-disciplinare-rev-3 - 500.09 kB
30/04/2020
File p7m 313-disciplinare-rev-3.pdf - 504.73 kB
30/04/2020

Avvisi di gara

30/04/2020Gara ID 313 - accordo quadro manutenzione ordinaria e straordinaria impianti elettrici - comunicazione n. 3 - precisazioni sul disciplinare di gara
Come indicato nella risposta al quesito n. 12 fornita il 30/04/2020, è stata pubblicata una versione del disciplinare di gara con una precisazione all’art. 21.2 che è stata riportata anche nel form per la presentazione dell’offerta tecnica. ...
29/04/2020Modifica date procedura Aperta: Accordo quadro per l’affidamento della conduzione, della manutenzione ordinaria e di parte della manutenzione straordinaria degli impianti elettrici e di trasmissione dati e degli impianti fotovoltaici del Comune di Prato
Si comunica l'avvenuta modifica delle date relative la procedura in oggetto A seguire la tabella riepilogativa delle date aggiornate   Termine richieste chiarimenti 10/06/2020 21:45 Scadenza presentazione offerte 19/06/2020 13:00 Apertura dell...
03/04/2020Gara ID 313 - accordo quadro manutenzione ordinaria e straordinaria impianti elettrici
Come indicato nel dettaglio nella risposta al chiarimento n. 2, pubblicata il 03/04/2020, è stata anche pubblicata una versione del disciplinare di gara che reca la correzione di un refuso....

Chiarimenti

  1. 01/04/2020 15:28 - In riferimento all’art. 21.2 contenuto della busta B  punto B1) si chiede quanto è il limite massimo delle pagine possibile della relazione da presentare ed in quale forma deve essere presentata (carattere e dimensione)
     


    Nel disciplinare di gara, all’art. 21.2, punto B1, è richiesta la presentazione di una “sintetica relazione” che illustri l’offerta per gli elementi da valutarsi secondo il criterio C5 “Caratteristiche dell’organizzazione dell’ufficio operativo e del lavoro relativo all’affidamento in oggetto”.
    Non è imposto un limite massimo all’ampiezza dell’offerta, né sono definite caratteristiche standard per carattere ed interlinea, salva la raccomandazione che la relazione sia “sintetica”.
     
    03/04/2020 12:43
  2. 01/04/2020 15:54 - Si fa presente che nella  busta virtuale dell’offerta tecnica non è presente lo spazio per il caricamento del punto C5

    Le modalità di presentazione dell’offerta sono riepilogate all’art. 20.2 del disciplinare di gara.
    Esistono 5 criteri di valutazione dell’offerta tecnica (C1, C2, C3, C4 e C5).
    La natura dei criteri C1, C2, C3 e C4 consente che, a fronte dell’inserimento dei dati nel form che propone la piattaforma, la piattaforma medesima calcoli il punteggio che la commissione può assegnare. Per questo l’offerta si compila a video sulla piattaforma e si scarica poi il file da firmare e inserire nella busta virtuale B.
    Il criterio C5, a valutazione discrezionale, richiede invece la presentazione di una “sintetica relazione” che non è idonea ad essere inserita nel form della piattaforma e si presenta utilizzando come guida il modello 7.
    Si rimanda all’art. 20.2 del disciplinare di gara per le modalità di caricamento dei vari documenti nella busta virtuale B.
    Si fa presente che nel rispondere al quesito è stato verificato che il disciplinare di gara conteneva un refuso all’art. 20.2 sulla modalità di espressione dell’offerta sul criterio C3, che era invece corretta all’art. 21.2.
    Il disciplinare è stato quindi corretto dando evidenza delle modifiche e contestualmente alla risposta al presente quesito viene pubblicata la versione corretta.
     
    03/04/2020 12:47
  3. 02/04/2020 10:37 - In relazione ai punteggi economici denominati C.6 e C.7 potete indicarci dove possiamo trovare il dettaglio del canone (C.6) ed il listino (C.7) non presenti nella documentazione di gara?
    Non troviamo inoltro il CME e qualsiasi documento economico 
     


    Punto C6: Trattasi di mantenzione "ordinaria, manutenzione programmata, verifiche manutentive, ecc..." pagata a corpo. Tutte le attività degli art. 1.1,.1.2, 1.3, 1.4 e 1.5 del capitolato speciale d'appalto sono compresi nel "corpo" chiamato nell'appalto "canone" (perchè ha periodicità temporale) indicato nei valori a base gara all’art.4 del Capitolato Speciale. Il concorrente trova le informazioni necessarie per operare le proprie valutazione economiche:
    - Agli art. 1.1,.1.2, 1.3, 1.4 e 1.5 del capitolato speciale d'appalto;
    - Negli allegati in cui sono elencati gli edifici e gli impianti fotovoltaici in gestione e loro caratteristiche.

    Punto C7: I prezzi unitari di riferimento sono indicati nell'art. 4 punto b)  del Capitolato speciale d'appalto.

    Si ricorda poi che trattasi di lavori di manutenzione "straordinaria / modifiche / ampilamenti" non decifrabili a priori (com'e nella natura propria dell'accordo quadro) ma che saranno compensati a misura.
    Nella relazione tecnica generale si legge poi (pag.2):
    "Pur non essendo impegnativo per l’amministrazione si rende noto che nell’anno 2018 sono state effettuate dall’utenza:
    1.366 richieste di manutenzione ordinaria (a canone);
    185 richieste di manutenzione straordinaria.
    Dei preventivi prodotti dalla ditta appaltatrice 136 sono stati approvati ed eseguiti i lavori."
    I dati sono evidentemente una guida per l'impresa che così può stimare il numero di richieste di intervento attese in un anno da parte dell'utenza (da gestire con una piattaforma in dotazione al Comune, denominato Fidia).
     
    06/04/2020 20:08
  4. 06/04/2020 10:08 - Richiesta chiarimenti:
    A - il requisito richiesto per il responsabile tecnico (punto 1.1 lettera g) prevede o la laurea in ingegneria o un diploma in materia tecnica: la laurea in architettura è considerata requisito ammissibile?
    B - si chiede se l’ingombro massimo della piattaforma automatica mobile richiesta come requisito al punto C4 sia da considerarsi in larghezza
    C - l’allegato B Elenco impianti fotovoltaici non è leggibile. Si chiede di averlo in altro formato
    D - alla luce delle condizioni contrattuali e degli obblighi in capo all’appaltatore, si chiede dettaglio economico puntuale delle singole attività richieste (quadro economico di sintesi o computo metrico delle attività manutentive)


    A – No, la laurea in archietettura non è considerata requisito ammissibile.
    B – Si, si è precisato che la larghezza dev’essere inferiore a 1,20 m perché le piattaforme devono poter entrare nelle palestre e negli altri edifici in cui ci sono luci alte, e la dimensione di riferimento delle porte esterne è quella dei due moduli antincendio.
    C - dalle prove di scaricamento eseguite da varie postazioni e dal browser Google Chrome non abbiamo riscontrato problemi di leggibilità degli elaborati indicati. Si suggerisce di eseguire l’accesso al portale dalla versione piiù recente del vs browser, tenendo conto che internet explorer non è utilizzabile per le piene funzionalità di Tuttogare.
    D – vedasi la risposta che è stata data al quesito nr 3 in ordine allo stesso argomento.
    07/04/2020 13:08
  5. 10/04/2020 13:23 -
    1. In riferimento all’art. 1.2 del Capitolato Speciale in cui è richiesto che “l’impresa è obbligata a garantire la presenza/disponibilità durante il normale orario lavorativo di almeno n.4 operai elettricisti specializzati” e in riferimento alla richiesta del Capitolato di garantire 32 ore di lavoro minime giornaliere per personale elettricista (di qualifica non inferiore a operaio specializzato) a disposizione per il servizio,  si chiede di confermare che si richieda non un presidio fisso presso la sede operativa dell’impresa o presso uno o più immobili oggetto del servizio, ma la garanzia che nell’arco delle 8 ore giornaliere di normale lavoro ciascuna unità di personale elettricista sia nella possibilità di poter svolgere le attività di pronto intervento, verifiche impiantistiche, manutenzione ordinaria e manutenzione programmata richieste dal capitolato.
    2. In riferimento all’art. 1.3 in cui è richiesta la sostituzione di tutte le lampade presenti negli immobili in gestione con modelli ad alto rendimento, si chiede di precisare quale sia il numero, e la relativa tipologia, delle lamapde da sostituire effettivamente poiché dall’Allegato F–Censimento non per tutte le voci è possibile distinguere i modelli già ad alto rendimento con quelli a basse prestazioni. Inoltre, si chiede se la predetta sostituzione debba essere eseguita solo nel caso in cui le lampade individuate risultino guaste o si dovessero guastare. 


    1) Si l’interpretazione è corretta.
    Non è richiesto un presidio fisso nella sede di zona, fatta salva la reperibilità telefonica 24 su 24, compreso giorni festivi.
     
    2) Ai sensi del art. 1.3 a) del Capitolato speciale d'appalto vanno cambiatee entro il primo anno di appalto  tutte le lampade e gli starter degli immobili in gestione, indipendentemente dallo stato di funzionamento (sia guasti che perfettamente funzionanti). Il numero e tipologia delle lampade è rilevabile dal Censimento.
    Le nuove lampade dovranno essere ad "alto rendimento".
    Il termine si riferisce ai tubi fluorescenti, volendo escludere gli apparecchi di scarsa qualità e scarso rendimento luminoso, purtroppo ancora disponibili sul mercato, e ammettere invece quelli di buona effcienza e qualità.

    ing. Iuri Baldi
    17/04/2020 12:42
  6. 14/04/2020 19:22 - Buonasera, in riferimento al punto B1) dell’offerta tecnica, con la presente si chiede cosa si intende nello specifico con ufficio “operativo”.

    La sede operativa è chiaramente descritta in Capitolato Speciale d'Appalto, dove si legge allo :
    Art. 23 Rappresentante dell’appaltatore e domicilio – Direttore di Cantiere – Organizzazione minima dell’attività
    ”Fermo restando l'organizzazione relativa a ciascuno dei cantieri di manutenzione straordinaria di pronto intervento, l'Appaltatore, al fine di consentire l'immediato recapito degli Ordini di Lavoro e di garantire il rispetto dei tempi di intervento, tenuto conto della distribuzione e della localizzazione territoriale degli immobili del Comune di Prato, deve dotarsi di una organizzazione che preveda almeno: 
    • una sede tecnico-amministrativa ed operativa, , con ufficio presenziato da personale tecnico/operatore durante il normale orario di lavoro, e attrezzato con postazione collegata ad Internet, telefoni fissi e fax e dotata di magazzino attrezzato e dotazioni logistiche per il personale. Tale sede logistica dovrà essere in grado di garantire i tempi e le modalità di intervento, previsti dal presente Capitolato;
    • squadre di operatori, ciascuna composta da almeno 2 operai specializzati/qualificati e con personale di supporto alle dirette dipendenze dell'Appaltatore e dotata di automezzi dedicati per pronto intervento e/o per trasporto materiali, ed in contatto con la sede operativa (a mezzo di telefono cellulare);
    Le "dotazioni" suddette (sede, magazzino, logistica, squadre di operatori, automezzi) dovranno essere adeguate all'attività prevista dal contratto, al fine di garantire i tempi di intervento.”
     
    17/04/2020 17:50
  7. 14/04/2020 12:27 - - Al criterio C1, il personale minimo deve essere pari a minimo 32 ore al giorno ovvero 4 persone ? 
    - Al Crtiterio C2, il personale minimo tecnico deve essere minimo 8 ore al giorno ovverto 1 persona? 
    Si chiede quanto sopra, per il semplice motivo che applicando un contratto collettivo nazionale METALMECCANICO, non rientriamo nel canone previsto a base di gara.
     


    Le ore possono essere "coperte" da personale a tempo pieno o da personale anche a part time:pertanto "32 ore" potranno essere coperte da un numero maggiore di 4 persone. 
    Ciò premesso, quanto richiesto è da interdersi come segue. 
    L'aministrazione Comunale (AC) ha delle necessità di interventi manutentivi variabili nel tempo.
    Oltre quelli di manutenzione ordinaria, largamente programmabili, sono da coprire con il personale dell’impresa contraente gli interventi di manutenzione straordinaria, e anche questa è costituita da attività meglio programmabili a fronte di attività legate a riparazioni e guasti, magari concentrate in brevi periodi di tempo: basta pensare ai temporali o alle riprese dei servizi dopo i periodi di fermo delle scuole, a fronte del fatto che nei mesi di chiusura delle scuole l'attività manutentiva necessaria per interventi estemporanei è generalmente molto ridotta.
    Se ad esempio il concorrente garantisce "32 ore" l'A.C. può pretendere, in caso di necessità, che siano garantire 32 ore / giorno di lavoro per interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, perché in quel momento la salute pubblica va salvaguardata con la tempestività degli interventi anche a fronte della loro numerosità.
    Se l'impresa ottempera, la A.C. non ha nessuna necesità di indagare su quale sia stato l’impegno orario, perché la prestazione da garantire non è misurata in ore bensì in qualità del servizio.
    Tutto questo non significa che ogni giorno saranno necessari 32 ore / giorno di lavoro; anzi sicuramente non sarà così.
    L’A.C. non ha interesse a conoscere quale sia l’occupazione del personale dell’impresa nel momento in cui non opera per il proprio conto, perciò l’impresa può attivare le sue economie di scala pur garantendo la qualità richiesta al Comune di Prato.
    Si veda inolre quanto pubblicato in riferimento al quesito nr 5, primo punto.
    17/04/2020 17:52
  8. 15/04/2020 10:30 - Buongiorno con la presente si chiede di chiarire come è stato determinato il costo della manodopera indicato a pag. 4 del disciplinare di gara pari a 198.000 € per le attività riferibili alla manutenzione ordinaria, dove il personale tecnico ed operativo minimo richiesto al punto B.2 dell’art. 21.2 del Disciplinare di gara è pari a:
    • 32 ore al giorno di operaio specializzato x 250 giorni anno x 3 anni            = 24.000 ore
    • 8 ore al giorno di personale tecnico di gestione x 250 giorni anno x 3 anni = 6.000 ore
    - Costo unitario medio della manodopera = 198.000 € / 30.000 ore = 6,60 €/ora


    La determinazione del costo della manodopera è stata fatta in riferimento alle caratteristiche delle prestazioni richieste in appalto ed ai dati storici degli appalti precedentemente esperiti per servizi analoghi presso il Comune di Prato.
    Si tratta di un appalto di servizi il cui oggetto negoziato sono le prestazioni quantificate in modo slegato dalle ore lavorate.
    L'organizzazione del servizio è ciò che qualifica la capacità di svolgere la prestazione da parte dell'appaltatore, a cui si chiedono garanzie sulla disponibilità del personale perché anni di esperienza hanno permesso di individuare i parametri di riferimento sotto il livello dei quali le prestazioni sono ineseguibili con la tempestività necessaria.
    Fra questi, dotazioni di sedi operative, apparecchiature e personale qualificato in condizioni di essere chiamato a intervenire in forza nei momenti di maggior necessità, ma non necessariamente presenti a operare in ogni momento sugli immobili comunali di Prato. Sono prevedibili punte di richieste e periodi di attività sostanzialmente ridotta, com'è facile desumere anche dalla stagionalità del servizio scolastico (sono circa 80 le scuole di ogni grado).
    In alcuni delicati momenti, imprevedibili, si dovrà fare affidamento a tutta la forza lavoro necessaria per garantire i servizi pubblici essenziali, e per questo la quantità di personale aggiuntivo (oltre il minimo da garantire) impiegabile con certezza è un parametro premiale per l’offerta.
    Non si operano controlli in esercizio sulle quantità di ore di manodopera utilizzata per la manutenzione ordinaria, la cui delimitazione è chiaramente definita dal capitolato tecnico e viene retribuita a canone.
    L'unica parte di manodopera che viene conteggiata è quella relativa alla manutenzione straordinaria, che è retribuita a consuntivo con apposita contabilità.
    Si veda inoltre quanto pubblicato in riferimento al quesito nr 3, in fondo, al quesito nr 5, primo punto, e al quesito nr 6 per ciò che attiene il significato delle ore di servizio da garantire.
    17/04/2020 18:04
  9. 22/04/2020 17:07 - Buonasera, si chiede conferma che il sopralluogo non è obbligatorio ai fini della presentazione dell’offerta.
     


    Confermato: il sopralluogo non è obbligatorio.

    ing. Iuri Baldi
    23/04/2020 12:03
  10. 21/04/2020 13:05 - Buongiorno, non troviamo l’allegato H Quadro Economico

    A pag. 7 del disciplinare di gara, fra i documenti di gara, è citato:

    All. H Quadro economico (sostituito dal contenuto della DD n. 549 del 04/03/2020)

    Questo perché con DD n. 549 del 4/3/2020 è stato riapprovato il quadro economico dell’appalto per le motivazioni espresse nello stesso provvedimento.

    Come indicato nel disciplinare, per il quadro economico si deve far quindi riferimento al contenuto della DD n. 549 del 4/3/2020, pubblicata sulla piattaforma.

    ing. Iuri Baldi
    23/04/2020 13:34
  11. 14/04/2020 17:23 - inviamo nostra richiesta di proroga.
     


    Ai sensi dell’art. 103 del D.L. n. 18 del 17/03/2020 e s.m.i. è in corso la procedura per la proroga dei termini connessi alla gara, incluso quello per la presentazione delle offerte. Tali termini verranno resi noti dopo la pubblicazione dell’avviso di proroga sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, già richiesta.
    24/04/2020 10:49
  12. 29/04/2020 12:24 - In riferimento a quanto dettagliato nel disciplinare si chiede di specificare meglio il punteggio attribuito al criterio c4 relativamente all'altezza della piattaforma in quanto, all'art. 21,2 B)2 pag 27 viene riportato che oltre a m 9,9 non è attribuito alcun punteggio superiore, mentre all'art. 23 pagina 32 il punteggio massimo uguale a 10 viene attribuito a piattaforme in grado di lavorare ad un’altezza massima superiore a 9,90
     


    Come indicato all’art. 23 del disciplinare di gara il punteggio massimo per il criterio C4 si ottiene attraverso una piattaforma automatica mobile che può lavorare ad un’altezza massima superiore a 9,90 m.
    La piattaforma è impostata per attribuire i punteggi conformemente a quanto indicato nell’art. 23 del disciplinare di gara.
    Altezze a cui può lavorare la piattaforma già superiori a 9,90 m (es da 9,91 m in su) non fanno aumentare ulteriormente il punteggio.
    Alfine di evitare equivoci, fermo restando l’art. 23, si sono apportate precisazioni all’art. 21.2 del disciplinare, che è stato pubblicato in piattaforma nella versione aggiornata, ed al form per la presentazione dell’offerta tecnica.
     
    30/04/2020 11:57
  13. 25/05/2020 09:04 - In riferimento a quanto riportato al punto 1.2 MANUTENZIONE ORDINARIA del documento “Norme Generali”, siamo a chiedere un chiarimento fra quanto indicato al punto 2b rispetto al punto 4c, cioè se la fornitura e posa in opera delle plafoniere di emergenza è sempre e solo da ritenersi compensata nel canone annuo fisso.
     


    Come specificato all'art. 4 a1) del CSA "Gli adempimenti di cui ai paragrafi 1.1), 1.2), 1.3), 1.4) e 1.5) quant’altro previsto nel presente capitolato, saranno compensati con un canone a corpo annuale fisso e invariabile".
    La Sostituzione degli apparecchi di illuminazione di emergenza autoalimentati non funzionanti è richiesta al par. 1.2 - 2b): pertanto è compresa nel canone a corpo.

    Nel par. di cui sopra si parla di "sostituzione", pertanto sarà compensata a misura la sola fornitura e posa in opera di apparecchi di iluminazione di emergenza di che non sostituiscono apparecchi già esistenti, ma che costituiscono un'aggiunta.

    Ing. Iuri Baldi
    29/05/2020 12:13

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Comune di Prato

Piazza del Comune, 2 Prato (PO)
Tel. 057418361 - PEC: gare.comunediprato@arubapec.it